Giornata mondiale del prematuro è stata celebrata con una colazione a Castel Firmiano

Sigmundskron1

Un bambino su dieci nasce prematuro

In tutto il mondo un bambino su dieci nasce prematuro. Questo lo sottolinea l’Associazione Prematuri Alto Adige in occasione della Giornata mondiale del prematuro che si festeggia domani 17 novembre a livello mondiale. La consapevolezza sul tema “essere prematuri”, le sue cause e conseguenze per le mamme e i bambini sono spesso sconosciute.

Ogni anno in Alto Adige 450 bambini vengono al mondo prima del termine, cioè prima della 37a settimana di gravidanza. Nel mondo il numero dei prematuri si aggira intorno ai 15 milioni, di cui 500.000 solo in Europa.

A livello mondiale sale il numero dei prematuri, così come anche nella nostra regione. “I prematuri sono la fascia più ampia dei pazienti pediatrici. Con la Giornata Mondiale del prematuro vogliamo fare il punto sul numero dei neonati prematuri nati nella nostra regione. Questi bambini sono dei lottatori, combattono per superare le difficoltà dei primi giorni o settimane di vita con l’aiuto di cure mediche intensive e l’amore dei loro genitori. Dietro ogni prematuro c’è un individuo che è felice di vivere. Lo scopo di questo giorno è anche quello di festeggiare i bambini e i loro genitori”, dice Jutta Perkmann, presidente dell’Associazione Prematuri Alto Adige.

Quest’anno i bambini prematuri ed i loro genitori (in tutto 180) si sono trovati domenica 15 novembre a Castel Firmiano dove sono stati invitati ad una colazione. Ha partecipato anche Christian Girardi, il fondatore di Südstern e di Global Forum Südtirol, che ha raccontato la propria storia da prematuro.

La maggior parte dei prematuri in Alto Adige viene curata nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale di Bolzano. “Quest’anno sono stati 250 i bambini accolti nella Terapia Intensiva Neonatale, il più piccolo pesava 520 grammi. Il numero dei prematuri si aggira intorno all’8% in Alto Adige in linea con la media europea”, dice il Dott. Hubert Messner, Primario della Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale di Bolzano.

“Una buona notizia: I risultati riguardanti l’outcome del prematuro sono costantemente migliorati negli ultimi anni. I progressi della medicina moderna rendono possibile salvare la vita a questi bambini, permettendo loro una buona qualità di vita”, dice il Dott. Messner.

“D’altro canto osserviamo un aumento dei neonati estremamente prematuri, nati cioè in una fase molto precoce della gravidanza. Solo nel 2015 fino ad ora abbiamo curato 60 gravi prematuri, bambini venuti alla luce con un peso inferiore ai 1500 grammi. Più piccolo è il bambino, più basso è il peso alla nascita, più è alto il rischio di complicazioni dopo il parto”, dice il Dott. Hubert Messner. “Oggi la sopravvivenza di prematuri con un peso alla nascita tra i 500 e i 750 grammi è superiore al 75%. Genitori, medici e infermieri si trovano spesso di fronte a dover superare i limiti del possibile”, dice il Dott. Messner.

Tra domenica 15 e martedì 17 la torre bianca del castello è illuminata con luce viola, colore simbolo della prematurità. Prematuri Alto Adige ha partecipato a questa azione che viene svolta a livello mondiale, ringraziando la ditta Elpo che ha sponsorizzato l’illuminazione.

Eine Bildunterschrift

Comments are closed.